GDPR

Ecco il messaggio che si presenta sul sito del Chicago Tribune, come di molti altri siti web americani. Il concetto è semplice: il nostro sito non è al momento conforme alla nuova normativa europea sulla protezione dei dati, dunque l'accesso da Paesi europei è al momento disabilitato. Vedremo quanto tempo ci vorrà per l'adeguamento.

 

(Fonte: Il Sole 24 Ore)

 

Leggi l'articolo originale completo

 

 


Sanità digitale

La "vittima perfetta", così è definito da Corrado Giustozzi (esperto di cyber security) il settore sanitario in merito alla criminalità informatica. Scarsa formazione, tecnologie obsolete, ritardo normativo. Non ci deve dunque stupire il triste responso del rapporto Symantec che vede in netta crescita gli attacchi a ospedali e cliniche. Addirittura vi sono oggi gruppi di hacker specializzati nel colpire la sanità. Non sono solo i dati dei pazienti a essere a rischio ma la loro stessa incolumità. 

(Fonte: Il Sole 24 Ore)

 

Leggi l'articolo originale completo

 

 


 

 

Twitter

A causa di un bug all'interno del sistema di memorizzazione delle cosiddette "chiavi segrete" Twitter invita urgentemente 330 milioni di utenti a cambiare le proprie password. "E' un eccesso di prudenza" sostiene la società. Tale falla individuata nel sistema non sembra per ora aver generato usi impropri degli account. Intanto Twitter subisce un calo delle azioni in Borsa di oltre l'1%.

 

(Fonte: La Repubblica)

 

Leggi l'articolo originale completo

 

 


 

 

Industria 4.0

Aziende e individui sempre più esposti all'hackeraggio; gli attacchi saranno sempre più frequenti per via del crescente numero di strumenti informatici utilizzati nelle industrie e nelle case, e che non dispongono di adeguati sistemi di protezione. Tale vulnerabilità e fragilità è dovuta principalmente alla scarsa sensibilità per la sicurezza informatica da parte dei produttori di robot, PLC, e dispositivi IoT, determinando come conseguenza inevitabile una maggiore esposizione agli attacchi informatici.

 

(Fonte: Il Sole 24 Ore)

 

Leggi l'articolo originale completo

 

 


 

 

Boeing

Il famigerato virus Wannacry, che aveva precedentemente attaccato i sistemi operativi di oltre 150 Paesi in tutto il mondo, ha colpito ancora: la compagnia americana Boeing è la nuova vittima. L'attacco informatico è avvenuto bloccando i sistemi dell'azienda con una nuova versione del ransomware capace di rendere inutilizzabile l'apparato tecnologico dell'intero stabilimento, chiedendo in cambio un riscatto. Boeing, in una recente dichiarazione, minimizza l'accaduto affermando che non ha lesionato i sistemi produttivi. 

 

(Fonte: Corriere della Sera)

 

Leggi l'articolo completo

 

Facebook

Dopo lo scandalo "Cambridge Analytica", la creatura di Zuckerberg si trova ad affrontare nuovi guai legati al trattamento e alla raccolta dei dati. Scaricando i file Zip contenenti i dati personali, gli utenti si sono trovati davanti a veri e propri tabulati telefonici (comprendenti nomi, numeri di telefono, orario di inizio e durata della conversazione). Facebook si difende dando spiegazione di come avvenga la raccolta dati e facendo notare come questa non sia impostata in modo predefinito ma necessiti di un' attivazione da parte dell' utente stesso.

(Fonte: Il Post)

 

Leggi l'articolo completo

 

Yahoo

Inizia ufficialmente la class action contro il colosso statunitense Yahoo. L'azienda, vittima di 3 massicci cyber attacchi tra il 2013 e il 2016, dovrà rispondere della violazione di ben 3 miliardi di account. Tra le accuse collettive in corso ci sarebbero la negligenza e la violazione del contratto. Inoltre Yahoo viene incrimanata per la mancata comunicazione agli utenti degli attacchi subiti. La notizia emerse infatti soltanto in seguito all'accordo di acquisizione da parte di Verizon nel 2017.

 

(Fonte: La Stampa)

 

Leggi l'articolo completo