Nel 2018 l’antivirus è ancora necessario?

antivirus

I software antivirus sono programmi che individuano, prevengono e disattivano le minacce informatiche quali virus e worm. L’installazione di tali applicazioni è fondamentale per ottenere un livello minimo di protezione dei documenti, delle foto e di tutto ciò che abbiamo su pc e dispositivi mobili. La prima discriminante è dunque la scelta tra uno strumento gratuito o a pagamento. Negli ultimi anni è stata sviluppata una buona varietà di software di sicurezza gratuiti con un’efficienza assolutamente paragonabile agli antivirus a pagamento.

Il vantaggio di scegliere soluzioni a pagamento sta in alcune componenti aggiuntive: blocco pubblicità, protezione posta elettronica, capacità di scansione di singoli elementi, etc. Inoltre, quelli che non richiedono esborsi monetari, spesso impiegano meccanismi di monetizzazione del software gratuito. Un esempio è l’utilizzo di pop-up che pubblicizzano la versione a pagamento del programma o la comparsa periodica di messaggi pubblicitari (ancora una volta, se qualcosa è gratuito vuol dire che il prezzo sono i nostri dati). I software a pagamento garantiscono inoltre maggiore capacità di riconoscimento di falsi positivi, ossia quei file identificati come malevoli, ma che in realtà non lo sono. Tale discriminante eviterà problemi quali l’archiviazione in quarantena di file cruciali (erroneamente indicati come malevoli), causando il malfunzionamento del sistema operativo.

Alla scelta tra un antivirus gratuito o a pagamento si affianca poi la coesistenza di un altro strumento snobbato dai più: Windows Defender. L’antivirus di sistema già installato nei sistemi operativi della Microsoft è stato considerato per anni uno strumento di poca utilità. Oggi la situazione è nettamente migliorata.  Nel complesso, se si seguono le regole di base per la sicurezza informatica, si tiene Windows aggiornato, si installano le patch di sicurezza dei programmi e non si clicca a caso sui siti internet, Windows Defender è sufficiente a bloccare tutti i malware più frequenti e più diffusi. La sua capacità di contrastare efficacemente le minacce dipende però dalla disponibilità di una connessione a Internet sempre attiva e comunque il programma ha la spiacevole tendenza ad impattare negativamente sulle performance di sistema.

È inoltre importante ricordare che l’installazione di più antivirus non aumenta la protezione del dispositivo, come si potrebbe erroneamente pensare, poiché i due programmi entrerebbero in conflitto e potrebbero addirittura tentare di annientarsi a vicenda.

È dunque necessario disinstallare Windows Defender nel caso si voglia utilizzare un altro programma? No, poiché l’antivirus Microsoft si disinstallerà automaticamente appena individuato l’altro programma.

La scelta, dunque, è strettamente personale; spetta all’utente decidere se installare un servizio a pagamento o gratuito o ancora tenere l’antivirus di sistema. Se quello che si richiede è la protezione di un sistema domestico dall’assalto dei malware, l’utilizzo di un antivirus gratuito potrebbe essere sufficiente. Tutt’altro discorso va fatto per sistemi aziendali, in questo caso non solo si necessita l’acquisto di un antivirus a pagamento per ogni dispositivo (e non dimentichiamo i computer Mac, erroneamente ritenuti inattaccabili), ma le misure da prendere saranno molto più consistenti (firewall, segmentazione delle reti, etc.).

In ogni caso l’installazione del software non è tutto: bisogna tenerlo aggiornato costantemente affinché possa essere in grado di affrontare anche le minacce più nuove e all’avanguardia.

In ultimo consideriamo che siamo noi, gli utenti, la prima difesa per le nostre macchine informatiche, ecco alcuni consigli:

- Non scaricare o installare software gratuiti se provengono da fonti non verificate;

- Non inserire la mail ed informazioni in modo leggero su qualsiasi sito che te lo possa richiedere;

- Non aprire gli allegati sospetti, quelli che provengono da indirizzi a noi sconosciuti;

- Evitare i siti per lo streaming o il download di film online che non siano perfettamente legali.